Nella terra dei rosati spunta un…Tacco Rosa

il

Non deve essere un caso che il Tacco d’Italia sia stato destinato dalla storia a diventare terra di rosati. Quelle stesse – infinite, caleidoscopiche, meravigliose – sfumature di rosa che si ritrovano nel calice di un rosato, sono lì a stupire i sensi ogni giorno all’ora “che volge il disio”. Basta cercare su Google “salento tramonti” per avere conferma che chi scrive non è stata colta da sindrome da campanilismo cronico.

Non a caso una consuetudine tipica delle latitudini salentine è quella di darsi appuntamento per l’aperitivo sul mare, proprio all’ora del tramonto.  Musica per lo più lounge e assembramenti “prepandemici” le costanti dell’aperitivo, ad esempio, in uno degli angoli più fotografati – da sempre, già in epoca pre-social – ,  cioè la marina di San Gregorio (frazione di Patù, a pochi chilometri da Ugento),  ovviamente all’ora del tramonto. Fate un’altra ricerca e rimarrete folgorati dalla bellezza delle fotografie.

In realtà, lungo tutti i 300 chilometri di costa o giù di lì che disegnano la penisola salentina, baciata da due mari – Ionio e Adriatico –, non c’è che l’imbarazzo della scelta: calette, scogliere a strapiombo e bianche spiagge, accomunate da una vista spettacolare su un mare bellissimo. E da tramonti mozzafiato.

Se poi il rito dell’aperitivo è accompagnato da un buon calice di rosato, l’armonia può raggiungere la perfezione. Perché il rosato è il vino del Salento, terra d’elezione del Negroamaro, uno dei vitigni autoctoni “signori di Puglia”, che nella versione rosa raggiunge infinite soluzioni di piacevolezza.

Tacco Rosa – Negroamaro Rosato Salento IGP racchiude nel suo contenuto tutto questo.  È la creatura enologica con cui il senatore Dario Stefàno ha fatto il suo esordio come produttore, con la vendemmia 2019.

Dario Stefàno nel suo piccolo vigneto, in agro di Cellino San Marco (BR), dalle cui uve nasce Tacco Rosa

Già assessore regionale all’agricoltura, particolarmente amato e apprezzato per il suo impegno, non solo per il settore del vino, ma per il comparto tutto, è parlamentare dal 2013. È l’autore della legge che ha normato per la prima volta in Italia l’enoturismo. Noto al settore per la sua “passione rosata”: celebre la sua battaglia a Bruxelles, da assessore, che riuscì a sventare il colpo basso dell’Europa che era lì lì per autorizzare la miscelazione di vini bianchi e rossi per ottenere il rosato. Sua l’ideazione del Concorso nazionale dei vini rosati, primo nella storia dei concorsi enologici dedicati a questa tipologia enoica, che vanta veri capolavori in altri areali italiani e del mondo.  

Insomma, il suo ingresso nel mondo produttivo del vino non poteva che avere un’impronta rosata.

Un Tacco Rosa, appunto. Nessuna allusione femminile (il rosato NON può banalmente definirsi vino per palati femminili….che, poi, cosa significa?) ma un chiaro riferimento al Tacco d’Italia e alla sua destinazione enologica rosata.

Nel calice Tacco Rosa si presenta con un colore ammaliante: un delicato rosa ramato che ricorda la seta, lo chiffon, i petali di rosa. Ma non fatevi ingannare da questa apparente “leggerezza”: l’intensità del Negroamaro si farà sentire.

Già al naso, in verità, con una ricca carrellata di note che spaziano dai frutti rossi e neri (fragoline, ribes, mirtilli e lamponi) alla rosa, alla macchia mediterranea, alle erbe aromatiche, alle note speziate come il pepe rosa (ça va sans dire).

Al sorso, poi, il Negroamaro rivela la sua potenza, vestita di eleganza e di una spiccata, suadente, sapidità. In bocca è fresco e succoso, piacevolmente scorrevole, con un sottofondo agrumato di bergamotto e melagrana  e un’insolita, distinguibile, nota di menta.

Perfetto partner della cucina mediterranea, ma anche di un aperitivo alla pugliese, da consumare in riva al mare. Doverosamente al tramonto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...